Show Radio_Alla ricerca della Consapevolezza

domenica 29 dicembre 2019

Questione vaccini? Argomento concluso

Credo che sull'argomento vaccini monumentale sia il seguente post tratto da la lettera inviatami su WhatsApp. Chi vuole sapere sappia. Non ci sono più scuse.

Carissimi, 

il Prof. Plotkin è il più famoso esperto a mondiale di vaccinazioni e ha accettato di comparire in un tribunale USA  come teste informato sulle vaccinazioni e di rispondere ad un lungo interrogatorio (9 ore) interamente registrato e ora diffuso in Italia (grazie al Corvelva e altre associazioni italiane che hanno anche messo i sottotitoli nella nostra lingua):

https://www.corvelva.it/it/approfondimenti/video/il-padrino-dei-vaccini-la-deposizione-di-stanley-plotkin.html 

Se si accelera la velocità della registrazione la si può ascoltare in un tempo inferiore rispetto  quello riportato e, a parte i primi 2-3 video, gli altri sono molto interessanti e l'avvocato che lo interroga a quanto pare ha una conoscenza sui vaccini che gli ha permesso di mettere più volte Plotkin in difficoltà, facendogli anche affermare che ha preso e prende milioni di dollari dall'industria farmaceutica, che lui non sapeva a quanto ammontano i danni vaccinali e molte altre interessanti sue affermazioni (tutte fatte sotto giuramento e in contatto skype con il suo avvocato "difensore").

Il tutto potrebbe essere veramente utile per capire alcuni retroscena e farli confessare dal più famoso vaccinista convinto.

Mi è grata l'occasione per augurare a tutti voi i miei migliori auguri di un Anno Nuovo durante il quale emerga un mondo un po' più vero.


R. Gava

venerdì 27 dicembre 2019

1984 e l'incalzante neo-pensiero

Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. Dai loro frutti li riconoscerete.   []Matteo 7,15]

Come mai la realtà attuale somiglia sempre più, alla narrazione di 1984?

Da dove trasse spunto Orwell per descrivere un Sistema, il grande Fratello, capace di gestire la società sotto tutte le sfaccettature e in modo così bene articolato?

Aldous Huxley                    Eric Arthur Blair
Eric Arthur Blair (vero nome di George Orwell) fu educato all'Eton College, noto centro di educazione degli Illuminati, che sfornò ben 19 primi ministri britannici (tra questi David Cameron). Durante gli anni a Eton Orwell conobbe Aldous Huxley, suo insegnante di francese, con il quale instaurò una profonda amicizia che durerà per tutta la vita. Fu lo stesso Huxley (autore, tra l'altro, di un libro che la dice lunga circa il pensiero globalità dal titolo "Brave New World") ad inyrodurre Orwell nella Fabian Society, una sorta di circolo privato organizzato su più livelli piramidali, al pari del sistema delle società segrete; in tal modo il fine ultimo, l'obiettivo finale, è noto soltanto ai vertici del Sistema, mentre rimane sconosciuto alla base, tra i gradi più bassi e più ampi della Società, laddove gli adepti operano strenuamente per la realizzazione di obiettivi che di fatto ignorano. 

La Fabian Society, è annoverata tra le maggiori artefici della nascita del partito Laburista in Gran Bretagna. La strategia Fabiana, basata su una costante lungimiranza, è quella  di lavorare con lentezza e per lungo tempo su di un obiettivo, evitando lo scontro aperto con le forze opposte, in quanto debilitante, per poi colpire con tutta la propria "forza" al momento giusto (che coincide col momento di maggiore debolezza dell'avversario); non per nulla il primo simbolo della Società era rappresentato da un lupo travestito d'agnello.

A sinistra l'attuale logo della Fabian Society; si tratta di una tartaruga nell'atto di colpire. Sotto l'immagine la frase: "quando colpisco colpisco duro". A destra il primo logo della Società; un lupo travestito d'agnello. Logo sostituito successivamente forse perchè troppo esplicito.


Un luogo comune molto diffuso sulle origini del titolo "1984" vorrebbe che tale scelta sarebbe scaturita invertendo le ultime due cifre dell'anno della sua pubblicazione, il 1948. 
In realtà la scelta del titolo ha radici molto più profonde. Infatti 1984 fu l'anno del centenario della fondazione della Fabian Society, inaugurata quindi nel 1884; pertanto si è di fronte ad una sorta di auspicio, di augurio che nell'arco di cento anni dalla fondazione, la Società avrebbe realizzato gli obiettivi della propria Agenda.
Curiosamente (ma non più di tanto), la Fabian Society detiene a tutt'oggi i diritti di "1984", fino al 2025 (altra data interessante coincidente con il completamento di un altro progetto mondialista, il controllo climatico). Secondo alcuni, la Società possiede anche gli archivi di Orwell che, naturalmente, sono interdetti al pubblico. 
Verrebbe da pensare nell'immediato che questi "archivi" altro non sarebbero se i progetti strategici della Fabian Society per realizzare i propri domini; tale ipotesi confermerebbe quindi  che Orwell ha scritto 1984 raccontando dettagliatamente come la popolazione mondiale sarebbe giunta ad essere pienamente controllata da poche Elite, e spiegherebbe inoltre come un libro, scritto nel '48 si adatti perfettamente alla realtà attuale: stanno letteralmente realizzando i propri piani mondialisti.

Basta quindi leggere questo libro per comprendere il mondo che la Fabian Society, unitamente ad altre Elite, sta preparando per noi; un mondo di paura, tradimento e tormento, dove i diritti vengono calpestati costantemente, un mondo sempre in lotta contro un nemico immaginario, elemento indispensabile per dominare attraverso la paura. Un mondo dove la schiavitù è libertà, la menzogna verità, la disinformazione cultura, la depravazione costume, dove l'anarchia è sistema. Basta leggere 1984 per capire su come tutto questo sia già realtà, una realtà che affinandosi somiglierà sempre più al "romanzo" di Orwell.


La maggior parte dei Paesi, Italia in primis, è assoggettata alla strategia Fabiana

Da qualche mese sono consueti, in tantissime città italiane, manifesti come quello a fianco. In questo caso è il volto del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte a campeggiare sotto lo slogan "Pensa come vuoi, ma pensa come Noi". Più piccolo, in basso, una frase estremamente significativa: “Serve un lessico più consono, una neolingua mite, rispettosa. E' un progetto politico di ampia portata”. Questa non è una frase tratta dal libro di Orwell, ma è la frase pronunciata da Conte, nel corso delle dichiarazioni programmatiche sulla fiducia al governo M5S-PD. In basso è presente un altro importante simbolo: l'occhio onniveggente; un chiaro rimando alle società segrete. Ma non basta. Ancora più in basso, la scritta di chiaro stampo orwelliano:
"Ministero della verità". Un "ministero" che se non di nome di fatto è stato già più volte sperimentato in Italia, come ha spiegato nel 2016, a "Il Fatto Quotidiano,  Vladimiro Giacchè [FONTE].
Ad ancora, nel 2018, è sempre Il Fatto Quotidiano a lanciare un forte segnale circa l'istituzione di un controllo dell'informazione statale, che mira a colpire i bufalari dilettanti per lasciare maggiore manovra ai detentori della verità di sistema. [FONTE]


Ma c'è una via di uscita... che dipende unicamente da NOI!

Alla manipolazione globale, allo sconvolgimento pianificato e metodico dei nostri cinque sensi, basta ascoltare la propria Coscienza per dissociarsi da tutto ciò. Il che non è facile soltanto perchè ciò implica grande coraggio e determinazione. Uscire dal sistema è difficile soltanto per il sacrificio iniziale che questo richiede. Null'altro. Quanto si inizia a leggere, si inizia a comprendere e da quel momento in poi tutto si collega automaticamente.


I problemi vanno affrontati non accantonati!

Purtroppo ci hanno indottrinati a credere che l'ignoranza è felicità, crediamo in dogmi posti a fondamento del Sistema impostoci e pertanto inalienabili. Scienza, medicina, politica, finanza ed economia, vengono posti come cardini imprescindibili del sapere (ignorante) al quale siamo chiamati ad obbedire, a credere incondizionatamente. Ciò in quanto fin dalla più tenera età ci viene inculcato il "sapere del Sistema", una serie di dottrine dogmatiche, altamente poggianti su teorie deliranti, spiegate in modo superficiale e tendenzioso, alle quali non dobbiamo assolutamente smettere di credere. Perchè? Ma perchè mettendo in discussione i fondamenti del sistema, arriveremmo a comprendere che si l'intero Sistema è virtuale, è finto e poggia le proprie basi su menzogne; quindi sul nulla. 

Anche leggendo questo articolo, la prima cosa che molti di noi pensano è rifiutare quanto fin qui descritto, è una reazione che scaturisce dal nostro costrutto sociale e culturale o, per dirla come David Icke, è la Dissonanza Cognitiva che entra in gioco. Anche in 1984 questo concetto, quello della Dissonanza Cognitiva, è presente ma viene chiamato doppio pensiero. SI tratta dell'inganno che sta alla base dell'intero sistema sociale che muta nel tempo per essere sempre attuale e, paradossalmente, restare immutabilmente a capo dei popoli. La strategia fabiana è quella che conduce al successo, è affine alla teoria della rana bollita, soltanto che la rana siamo noi.

lunedì 14 ottobre 2019

Come perdere la propria identità di popolo, nel nome di un'integrazione malata. Ma lo chiede l'Europa

Si ripete l'esperienza della vergogna meridionale post Unità d'italia, quando noi, soccombenti terroni, iniziamo la nostra diaspora vergognando di noi stessi e delle calunnie che gli altri fecero passare per verità. Oggi la stessa situazione, sia a livello nazionale dove veneti, liguri, piemontesi, lombardi, eccetera, vivranno lo stessa umiliazione dello sconfitto e questo grazie al Movimento 5 stelle. Perché se il PD, sapevamo fosse al soldo degli eurocentrici, la condotta del Movimento 5 stelle rappresenta il più grande tradimento premeditato di natura politica che questo paese ha vissuto dal dopoguerra ad oggi.

L'uomo nero esiste ancora.

Non ha nulla a che vedere con gli uomini di colore, ma l'uomo nero era la figura negativa che, fino a quando ero bambino, animava i racconti di paura che i grandi solevano narrarci per tenerci buoni (e sì, la paura è sempre stata funzionale all'obbedienza). L'uomo nero non era definito, dunque, tale in funzione del colore della pelle, ma bensì delle azioni paurose e tremende che poneva in essere. Una fra tutte, era rubare i bambini. Si trattava di racconti derivanti da una tradizione atavica, un retaggio che si perdeva nei meandri del tempo. Crescendo infatti, nessuno pensava più a questo "mostro" che animava l'immaginazione di noi bambini nelle notti buie. Ma i ladri di bambini sono tornati e, cosa peggiore, sono realtà. Non sono soltanto quelli della Bibbiano degli orrori, ma si celano nella nostra società in modo invisibile. l'audio che ho deciso di condividere in allegato a questo mio post, è relativo alla testimonianza di una signora, esercente di uno dei bar in Piazza Italia, a Reggio Calabria, che domenica 13 ottobre 2019, ieri, ha assistito ad un tentativo di rapimento di minore ad opera di una sconosciuta che nell'audio viene chiaramente identificata come straniera. Ladri di bambini a Reggio Calabria. Questo il resoconto della testimone

venerdì 4 ottobre 2019

Progetto“Nullius in Verba”

Mi è balenato per la testa il seguente progetto. 

Nullius in verba, è una frase latina (contenuta nelle Epistole del poeta latino Orazio) che sta a significare "non dar fiducia alle parole di nessuno"; frase qui intesa quale tentativo di stabilire i fatti, procedendo in modo oggettivo ed ignorando ogni genere di influenza esterna, compresi l'informazione, la religione, la politica ed in generale ogni influenza sociale riferita all'argomento di indagine.

"Nullius addictus iurare in verba magistri, quo me cumque rapit tempestas, deferor hospes"

[TRAD. non costretto a giurare alle parole di alcun maestro, dovunque mi trascini la tempesta, io mi ritrovo ospite ]. 

Criteri del progetto:
  1. osservazione diretta senza pregiudizio ma valutando in fatti in se;
  2. raccolta di notizie e informazioni mediante testimonianze e documenti; 
  3. limitarsi al resoconto dei fatti tralasciando opinioni personali ma inducendo lo spettatore a fare le proprie considerazioni. 

martedì 16 luglio 2019

NON C’É LIMITE ALLO SCHIFO



La cosiddetta sinistra in Italia ha superato ogni limite della provocazione, della cialtroneria e dello schifo.
Che questa cosiddetta sinistra abbia tradito se stessa, e già da tempo, è cosa nota.
Pensavamo che questo tradimento fosse avvenuto, come i fatti dimostrano, sul piano politico e in pregiudizio dei "valori" tradizionali della sinistra e in danno della classe lavoratrice. Ma quel che è nauseabondo è che questa cosiddetta sinistra abbia perso ogni senso della moralità corrente e abbia superato ogni limite della decenza.
Si rimane esterrefatti dinanzi all'insabbiamento delle malefatte di parte della magistratura e di parte del CSM per il miracoloso effetto di quella ragazzotta tedesca Carola Rackete: una indagata di reati gravissimi celebrata come una rediviva Giovanna D'Arco.
Questa sinistra tace ignominiosamente dinanzi ai quotidiani arresti di suoi esponenti anche di rilievo, e tace dinanzi agli ignobili accadimenti di Bibbiano.
Questa vergognosa sinistra ha perso anche il senso della vergogna ma è "coperta" da una certa stampa quotidiana e certe televisioni che non tanto propalano notizie inventate o artatamente deformate, ma nascondono e tacciono di eventi gravissimi.
Questa vergognosa sinistra che ora si preoccupa anche della tenuta e della permanenza dell'Italia nella NATO, si rende serva della finanza internazionale e del liberismo economico.
E sempre questa vergognosa sinistra, tramutatasi in un raccapricciante monumento di ipocrisia, che continua a sostenere la delinquenziale follia di una invasione incontrollata e illimitata di genti africane in Italia ma non spende una parola per i milioni di italiani in stato di povertà assoluta.
Su tutto aleggia la oscena "benedizione" del pampero argentino. Su tutto si sente l'assordante silenzio del figlio di Bernardo Mattarella.
Si è sempre detto: "diventeranno pazzi". Sono diventati pazzi nel loro folle e incontrollato odio nei confronti del Ministro dell'Interno Matteo Salvini che cerca di difendere gli interessi nazionali e che per questa miserabile "sinistra" è divenuto il nemico numero uno da abbattere.
Sono diventati pazzi: l'ultima menzogna è quella dei finanziamenti russi alla Lega.
Non voglio ricordare i 989 miliardi ricevuti dal PCI da Mosca. È una vecchia storia.
Ma anche a tale riguardo non manca il "soccorso rosso" giudiziario, e così subito è stata aperta un'indagine sulla sola base di una palese menzogna pubblicata da una squallida agenzia scandalistica straniera.
Pare che Parigi intenda dare la cittadinanza onoraria alla ragazzotta tedesca. Quegli stessi francesi che impedirono l'ingresso della "Sea Watch 3" nel porto di Marsiglia.
Ma questa è un'altra storia che si può riassumere in poche parole: per quello che ha fatto la Francia in danno dell'Italia, in tempi normali sarebbe intervenuta una dichiarazione di guerra ma Italia e Francia fanno parte di questa Unione europea che intende la solidarietà e l'uguaglianza come legittimazione al sopruso e alla aggressione in danno dell'Italia.
Lo schifo che mi assale mi impedisce di continuare.
AUGUSTO SINAGRA